PSR 2014-2020

29 Giugno 2022

PSR – Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020

Il Programma di sviluppo rurale (PSR) è il documento programmatico che ogni Regione italiana produce per poter utilizzare le risorse finanziarie che l’Unione Europea assegna per l’ammodernamento delle zone rurali, per il miglioramento della competitività delle imprese e la sostenibilità ambientale, per la tutela e la salvaguardia del territorio e del paesaggio rurale, per la riduzione del divario in termini di servizi e di opportunità di occupazione delle aree svantaggiate. Il PSR ha una validità di sette anni e si articola in Priorità Focus area che vanno perseguite attraverso delle specifiche Misure.

Il Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020 è stato approvato con decisione della Commissione Europea n. 3482 del 26 maggio 2015 e ratificato dalla Regione del Veneto con la Deliberazione della Giunta Regionale n. 947 del 28 luglio 2015. Il PSR Veneto 2014-2020 costituisce lo strumento di programmazione per lo sviluppo rurale regionale che concorre, assieme agli altri fondi strutturali e di investimento europei (SIE), alla realizzazione delle priorità della strategia “Europa 2020”, nel quadro dell’Accordo di partenariato tra lo Stato Italiano e l’Unione Europea.

Le risorse finanziarie gestite attraverso il PSR ammontano complessivamente a 1.184.320,501 euro, pari al 6,36% delle risorse nazionali per lo sviluppo rurale. Il 43% dei fondi provengono dall’Unione europea, il 40% dallo Stato italiano e il 17% dalla Regione.

In particolare, la strategia del PSR Veneto 2014-2020 è il risultato di un percorso partecipato durato oltre due anni che ha ampiamente coinvolto il Partenariato regionale per il PSR, composto dalle parti economiche, dalle associazioni sociali e ambientalistiche e dalle autorità regionali e locali, mediante la partecipazione a 11 incontri di partenariato, possibile sia con la presenza diretta che in streaming sul portale PIAVe, e la conseguente formulazione di numerosi contributi e proposte, pubblicati anche sulla piattaforma PSR VENETO.

Sulla base di un’approfondita analisi del contesto, la Regione ha individuato 32 fabbisogni di sviluppo, assegnando loro uno specifico livello di priorità, anche attraverso il confronto con il Partenariato.

La strategia del PSR orienta la scelta e la combinazione delle Misure alla luce dei risultati dell’analisi di contesto e dei fabbisogni individuati a livello regionale. L’analisi ha fornito un quadro aggiornato della situazione di riferimento individuando i punti di forza e di debolezza, le opportunità e le minacce che caratterizzano il sistema agricolo e rurale del Veneto. Il quadro dei fabbisogni di sviluppo rappresenta il fulcro del processo di programmazione poiché dopo aver recepito e sintetizzato le valutazioni operate attraverso l’analisi, determina la mappa dei riferimenti prioritari per la strategia e i relativi interventi. Secondo una logica di sintesi e di contestualizzazione delle 6 Priorità per lo sviluppo rurale dell’UE, il processo di pianificazione della Regione riconosce 4 Priorità di interesse strategico per il sistema veneto, cioè:

–  innovazione

– competitività

– sostenibilità

– governance

La strategia regionale definisce inoltre 7 criteri orientativi che caratterizzano ed indirizzano il Programma e la sua attuazione: territorializzazione, integrazione, concentrazione, cooperazione, progettualità, sostenibilità ed efficacia gestionale, partenariato.

Tale impostazione ha consentito di delineare anche gli obiettivi specifici del PSR con esplicito riferimento alle 18 Focus Area in cui si articolano le Priorità dell’UE. Ciascuna di esse è stata quantificata con un valore obiettivo (target) che dovrà essere perseguito e raggiunto attraverso l’attuazione delle Misure del Programma. Le Misure che verranno attivate attraverso i bandi saranno strettamente collegate agli obiettivi specifici da raggiungere e alle risorse finanziarie destinate a ciascuna Focus Area.

La strategia regionale prevede inoltre che le Misure proposte dal Programma contribuiscano alla realizzazione dei 3 obiettivi trasversali del FEASR: innovazione, ambiente e cambiamenti climatici.

Le Misure comprendono una serie di Interventi che contribuiscono alla realizzazione di una o più delle Priorità dell’Unione europea in materia di sviluppo rurale. Con il PSR sono state attivate 13 Misure che nel loro insieme sono composte da 45 Tipo di interventi fra cui:

Il Consorzio di Bonifica Adige Po ha aderito alla misura 16 per il tipo d’intervento 16.5.1, dando vita ad una partnership di ditte che ha messo in atto, negli appezzamenti di proprietà, i collegati tipi di intervento 4.4.2 e 4.4.3 riconducibili alla misura 4. Un vincolo imprescindibile per tutti gli investimenti realizzati con le succitate misure prevede che i tipi di intervento sopra descritti debbano, una volta conclusi, essere mantenuti per un periodo quinquennale, aderendo ad uno degli impegni di cui alla sottomisura 10.1 “Pagamenti per impegni agro-climatico-ambientali”, riconducibile alla misura 10 – Pagamenti agroclimatico ambientali.

 

Iniziativa finanziata dal Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2014-2020
Organismo responsabile dell’informazione: Consorzio di Bonifica Adige Po
Autorità di gestione: Regione del Veneto – Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste

 

PSR – Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020

Ultimi articoli

News 2 Dicembre 2022

BILANCIO DI PREVISIONE 2023

Il 30 novembre scorso si è svolta l’Assemblea del Consorzio di Bonifica Adige Po nella quale è stato discusso e votato, a maggioranza, il bilancio di previsione 2023.

News 14 Novembre 2022

Rassegna Stampa Ottobre – Novembre 2022

In questi mesi siamo apparsi più di una volta sui giornali, per parlare di siccità, caldo, cambiamenti climatici e soluzioni da attuare, come il “Piano Laghetti”.

News 20 Ottobre 2022

Estate 2022: siccità e alte temperature.
La risposta del Consorzio Adige Po

Il presidente del Consorzio Adige Po Roberto Branco commenta con queste parole il momento critico legato alla siccità dell’estate appena passata.

torna all'inizio del contenuto